DIRETTORE D'ORCHESTRA

Michele Brescia

      


Diplomato in flauto con il massimo dei voti presso il Conservatorio G. Verdi segue i corsi di fagotto, violoncello, canto lirico e composizione. Ventenne si accosta anche alla direzione d’orchestra formandosi con Emilio Pomarico e Aldo Ceccato. L’esperienza come direttore d’orchestra comincia dal repertorio operistico. Nel 1998 debutta con Don Giovanni di Mozart per il Comune di Milano presso Villa Bernocchi e per l’Accademia Musicale di Premeno (VB) dove incontra il soprano Luciana Serra. Con quest’ultima inizia un’intensa collaborazione che lo vedrà impegnato nelle Nozze di Figaro e Il Flauto Magico (per il Teatro Coccia di Novara). Collabora nel, Così fan tutte, con il baritono Nicola Ulivieri, e in diversi progetti didattici dedicati ai giovani interpreti.
Nel 2004 è assistente di Arnold Bosman al Teatro Petruzzelli di Bari per l’allestimento di Nozze di Figaro. L’anno seguente dirige il Ratto del Serraglio di Mozart e Pierino e il lupo di Prokofiev entrambe con la partecipazione straordinaria di Andrea Brambilla (Zuzzurro). Inaugura la stagione
2006/07 del Teatro di Orbassano (TO) con Musica sull’acqua e Musiche per i reali fuochi d’artificio di Haendel. Esegue il Concerto l’Imperatore di Beethoven con la pianista Marlena Maychekovitz, la Sinfonia Jupiter e il Concerto K 299 di Mozart per flauto, arpa e orchestra con Luisa Prandina e Raffaele Trevisani.
Il 2009 si apre con Fabrizio Von Arx, Roberto Prosseda e il Doppio concerto per violino, pianoforte e orchestra di Mendelssohn. Con il pianista Cristiano Burato, il Concerto n.1 di Chopin e la Sinfonia n.1 di Beethoven calca il podio dell’Aula Magna dell’Università statale di Milano.
Nel Dicembre 2010 è invitato a Che Tempo Che Fa, la trasmissione di Fabio Fazio in onda in diretta in prima serata su RAI 3. Lì dirige l’orchestra per l’esibizione in cui Sting ripropone i suoi più grandi successi.
Nel 2011 dirige il Concerto n.1 per pianoforte e orchestra di Chaikovsky ancora in collaborazione con Cristiano Burato e la Sinfonia Italiana di Mendelssohn presso il Teatro Coccia di Novara e l’Università Statale di Milano. A dicembre dello stesso anno dirige Rapsodia in Blue e la grande musica da film americana. Molti i concerti e i gala sinfonico-operistici con solisti quali Franco Maggio Ormezowsky, Yehezekel Yerushalmi, Leonel Morales, Linda Campanella, Patrizia Cigna e Roberta Mameli. Dirige nel 2013,presso il Teatro Arcimboldi di Milano, i balletti “Lago dei Cigni” e “Schiaccianoci” con il corpo di ballo di Stato di San Pietroburgo. A marzo 2014 ha collaborato con Uto Ughi per il concerto dei vent’anni dell’Orchestra Coccia di Novara e nel 2015 collabora con il violinista Francesco De Angelis per l'esecuzione Concerto in re maggiore per violino e orchestra op.61 di Ludwig van Beethoven a San Gaudenzio, Novara. Nello stesso anno è nata “Segni di Bellezza”, una stagione musicale di cui Michele Brescia è ideatore, direttore artistico e direttore d’orchestra. Negli eventi della stagione, arrivata ormai alla terza edizione in corso, si sono esibiti diversi solisti come Cristiano Burato, Marinella Pennicchi, Marzia Castellini, Enrico Ivilia, Laura Marzadori e cori come Ars Cantica Choir di Marco Berrini, Anzolim de la Tor r coro Bach città di Milano.
Tra gli ultimi ultimi impegni di rilievo, la direzione della “Patetica” di Chaikovsky in San Gaudenzio a Novara il 31 gennaio 2017, la nona sinfonia di Beethoven per la IIIa stagione di Segni di Bellezza.

Michele Brescia si occupa anche di musica sacra. Ha diretto negli anni diverse formazioni corali con le quali ha affrontato importanti pagine del repertorio: Grande Messa K427 e Requiem di Mozart, Requiem in do minore di Cherubini, 6 mottetti di Bach, Requiem di Faurè, Magnificat di Bach, Salmo 92 di Mendelssohn, La Petite Messe Solennelle di Rossini, lo ha portato in tournée in Austria e Ungheria assieme al coro dell’Università Statale Bicocca di Milano. Attualmente è il direttore del coro polifonico “InCantiamo”, del coro polifonico MusicaInCanto e di Choralia.
Dal 2018 Michele Brescia è direttore principale della nuova orchestra sinfonica Milano Classica.

Da quindici anni affianca all’attività artistica quella didattica. Insegna flauto, musica d’insieme, esercitazioni corali ed orchestrali in diverse scuole di musica, accademie e licei di Milano e provincia. Ha tenuto uno stage di Esercitazioni orchestrali presso il conservatorio “Guido Cantelli” di Novara da marzo a maggio 2016. E' stato direttore della Scuola Civica di Musica di Cesano Boscone dal 2007 al 2016. Ha realizzato trascrizioni e arrangiamenti del repertorio operistico per studenti delle scuole primari e secondarie. Ha composto brani per ensembledi fiati, orchestra da camera e sinfonica, coro e diverse formazioni dal duo all’ ottetto.

                     

He graduated with honors in flute at the “Conservatorio” G. Verdi of Milan and then specialized in it at the School of Music of Fiesole. He holds several concerts in Italy and Europe.

Michele Brescia started conducting in 1990, when he was barely twenty. And after several experiences in chamber he directs the "Don Giovanni" by Mozart in different theaters in Milan in collaboration with the Municipality of Milan and by Villa Bernocchi for the Music Academy of Premeno (VB), where he began an intense and lasting collaboration with the Soprano Luciana Serra, with whom he also set up "The Magic Flute". In 2004 he was assistant to the Conductor Arnold Bosman at the Teatro Petruzzelli of Bari for the setting up of the Marriage of Figaro. The following year he conducted the “The Rat of the Menagerie” by Mozart and the “Peter and the Wolf” by Prokofiev, both including the special guest appearance by the actor Andrea Brambilla (Zuzzurro).

Among the many concerts held, we point out: the opening of the 2006/07 season at the Orbassano Theatre (TO) with the “Water Music” and “Music for the Fireworks” by Handel, Beethoven's “Emperor Concerto” with the Pianist Marlena Maychekovitz, the Jupiter Symphony and the Concerto K299 by Mozart for flute, harp and orchestra with Luisa Prandina and Raffaele Trevisani, the Double Concerto for violin, piano and orchestra by Mendelssohn in 2009 with Fabrizio Von Arx and Roberto Prosseda, Concerto no. 1 of Chopin and Tchaikovsky’s first piano Concerto with pianist Cristiano Burato and the Symphony No. 1 by Beethoven and "Italian" of Mendelssohnn at the State University of Milan (Statale).

In December 2010 he intervenes at “Che Tempo Che Fa”, transmission of Fabio Fazio aired in prime time on RAI 3, in which he conducted the orchestra for a performance by Sting.

He has conducted many concertos and symphonic gala with soloists such as Franco Maggio Ormezowsky, Yehezekel Yerushalmi, Leonel Morales, Mario Coppola, Linda Bell, Patrizia Cigna and Roberta Mameli. In March 2014 he works with Uto Ughi for the concert of twenty years of the Coccia Orchestra of Novara and at Bellagio Festival he conducts Mozart's Requiem. In December 2013 he conducts "Swan Lake" and "Nutcracker" at the theater "Arcimboldi" of Milan in collaboration with the St. Petersburg state ballet.

In 2015 in San Gaudenzio, Novara, he directs the Seventh Symphony op. 92 by L. van Beethoven and the Concerto in D Major for Violin and Orchestra op.61 by Francesco De Angelis, first violin of the Teatro alla Scala in Milan.

Michele Brescia is also involved in choral conducting and sacred music. He directed some of the most key pieces including Requiem and Mass K 427 by Mozart, Bach's Magnificat, pages from authors like Mendelssohnn, Schubert, Faure and Rossini, making tour in Austria and Hungary. He is currently the Director of the Milan Polinfonico Choirs “Musica InCanto” and “Choralia”.

He is the Director of the Cesano Boscone (Milan) Civic School of Music.

He is artistic Director and Conductor of the musical season “Signs of Beauty” which had its first edition in 2015. Five concerts from January to June preceded by an art history lesson about the paintings and sculptures of the Basilica of Sant' Eustorgio in Milan, home of the initiative.